Dedico questo blog a mia madre, meravigliosa farfalla dalle ali scure e dal cuore buio, totalmente priva del senso del volo e dell'orientamento e, per questo, paurosa del cielo aperto. Nevrotica. Elusiva. Inafferrabile.

domenica 3 settembre 2017

Il fiore del mio giardino (cap 1)




IL FIORE DEL MIO GIARDINO
Erano l'intonaco color mandarino e la porta verde mela, ancor prima dell’insegna,
un chiassoso tazebau con la scritta in italiano “Il fiore del mio giardino” a lettere irregolari
e colori psichedelici, a reclamizzare l'attività di fiorista di Veronica Sorrentino,
vedova Thompson, in quel di Browing Street, nella cittadina di New Eden,
nello Stato del Maryland.
Un negozio storico, questo, rilevato nel corso del tempo da un numero imprecisato di
gestori, costretti ad abbandonare l’impresa per via degli affari poco fiorenti e della guerra 
recente in corso tra il proprietario del negozio di abiti da sposa e articoli da cerimonia, Max 
Garfield, ubicato alla sua sinistra, e quello del sexy shop, William Perez, alla sua destra.
Il negozio di Veronica Sorrentino, strettamente incassato fra i due, sarebbe risultato
invisibile ai passanti se non ci fosse stato il richiamo dei colori al neon dell’insegna e quello
dell’intonaco, che lo evidenziava con la sua tonalità luminosa di ocra incandescente,
sull'anonimo sfondo color sabbia del muro.
Una strategia, questa della tinta di un tono diverso, ideata da Veronica per uscire dal cono
d’ombra dove s’era ritrovata relegata dopo aver comprato quel negozio in stato di
perenne fallimento, che il proprietario per un'antipatia personale verso Garfield, che pur
di rilevarlo aveva offerto una cifra ragguardevole, aveva preferito svenderlo a lei
ad un prezzo irrisorio.

Dunque, il negozio di fiori progettato da Veronica in un eccentrico stile vintage/italiano,
 (anche se lei dell’Italia, della città di Napoli dov'era nata, non conservava alcun ricordo, 
perché dopo pochi mesi dalla sua venuta al mondo i suoi s’erano trasferiti a New Eden 
per ricongiungersi con quella parte di parentado che già qui s’era stabilita, e così
 s’era istintivamente costruita un suo ricordo remoto sull'immagine, romanticamente 
retorica, di una cartolina d’epoca: l’affaccio di un balconcino fiorito sullo sfondo di un
 paesaggio marino, e la mamma che la schermava dal sole con un cappellino), aveva
costituito il naturale divisorio tra il diavolo e l’acqua santa, metafora forse
scontata, ma calzante, per designare le due attività rivali allocate ai suoi fianchi:
il sexy shop di Perez e il negozio di abiti da sposa di Garfield.

A onor del vero c’è da dire che la fiorista  s'era a lungo spesa nella vana opera di 
pacificazione tra i due, ma fallendo nel suo intento era riuscita a coalizzare
i due rivali contro di lei, rea di aver acquisito la proprietà del negozio, di averlo reso
visibile e con una clientela in continuo aumento, ma soprattutto di essersi fatta beffe
di quella loro ridicola guerra basata essenzialmente sullo sbandieramento della
 reciproca delegittimazione.

LE RAGIONI DELL'UNO. LE RAGIONI DELL'ALTRO
Veronica - Signor Garfield, vorrei capire la causa di così tanto malanimo nei confronti di Perez-
 Garfield - Cosa c'è di così difficile da capire, la sua attività è controproducente alla mia. Basta 
guardare gli articoli esposti nella sua vetrina: un insulto alla morale. Un oltraggio alle
 persone perbene ed al mio onesto commercio, che operando nel settore matrimonio fa
 diretto riferimento ai valori di nostro Signore -
Veronica - Ma ha una regolare licenza, e gli articoli in vendita non sono illeciti. Inusuali, ma non
 illeciti. Ha diritto quanto lei di esercitare il suo commercio. Non ci vedo alcun dolo nei
suoi confronti -
Garfield - E l’immagine? Parliamo dell’immagine… certo lei non sa neppure cosa sia, 
con quel suo negozio  pacchiano -
Veronica - Non esageri ora, se il mio stile non è conforme ai suoi gusti non posso farci niente, 
siamo in un paese libero -
Garfield - Già, libero di permettere tutto e il suo contrario: esattamente come accade in questo
 ristretto  perimetro -

Veronica - Perez, cosa la disturba dell’attività di Garfield?-
Perez - Della sua attività niente, anzi gli auguro che prolifichi a dismisura e acquisti sempre più 
clienti, quelli tanto dopo esser passati da lui vengono a comprare da me. La sua
 attività non mi disturba, è la sua arroganza che mi disturba. E' un vero stronzo -


VERONICA SORRENTINO VEDOVA THOMPSON
Tra i due antagonisti le simpatie di Veronica andavano a William Perez, perché in lui ancora
percepiva una genuinità autentica, quella spontaneità un po infantile che ne addolciva il
gergo da pirata e l'aspetto da mangia fuoco: qualche chilo e qualche tatuaggio di troppo, e un
sigaro puzzolente incollato tra le labbra.

Veronica, seppur non era affatto il suo tipo, se ne sentiva diabolicamente attratta, forse
perché Perez era l'esatto contrario del suo defunto marito: ligio alle regole, attento e scrupoloso,
ordinato nell'anima come nei sensi, che far sesso con lui era come andare a un battesimo,
quando, preventivamente con la somministrazione del sacramento, si cerca d'immunizzare
l'anima dal bisogno del peccato.
Un uomo così pulito, Danny Thompson, che lei non s'era sentita di sporcarlo con i suoi impudici,
fantasiosi desideri, di cui il solo racconto lo avrebbe fatto arrossire.
A dire il vero un qualche blando tentativo, per capire fin dove su quel terreno potesse spingersi,
lo aveva fatto, ma lui fingendo di non avvedersene aveva così con tatto rifiutato l'invito a
mordere quella mela del peccato che lei, con mano tremante, gli aveva porto.
Era pur certa, Veronica, che lui l'amasse profondamente e teneramente, con discrezione e
ammirazione, e seppure non era a letto l'amante che lei desiderava fosse, era stato un
gentile, affidabile compagno di vita, e così quando un infarto fulminante se lo era portato
via (una beffa, quella morte, che lui, morigerato com'era non aveva coltivato alcuno stravizio
a cui addebitare quella sua fine prematura) lei aveva portato il lutto stretto per un anno
seppure la modernità non lo annoverasse più tra gli obblighi vedovili, ma pure Veronica
volontariamente lo aveva adottato, immaginando che a lui avrebbe fatto piacere
quell'omaggio alla sua memoria.

Nessun commento: