Dedico questo blog a mia madre, meravigliosa farfalla dalle ali scure e dal cuore buio, totalmente priva del senso del volo e dell'orientamento e, per questo, paurosa del cielo aperto. Nevrotica. Elusiva. Inafferrabile.

sabato 13 giugno 2009

Un dolore da uomo

Era un dolore da uomo.
Quel grumo convulso. Nello stomaco.
E lui era poco più di un bambino. E senza nessuna esperienza di dolori passati. E in difficoltà a decifrare quelli del presente. L'assenza di paragoni, quindi, gli confondeva la mente e deviava le sensazioni.
Lo stomaco.
Non era quello il luogo del dolore.
A far così male era il cuore.
Realtà che lui, virilmente, rifiutava.
Respingendo le lacrime.
I singhiozzi. E l'oppressione del respiro.
Impedendosi le parole.
Nel timore che la voce irrompesse in pianto.
Così aveva strappato dal petto quella sofferenza inopportuna di bambino.
E tramutata in uno spasmo di carne.
Un dolore da uomo.

5 commenti:

  1. Buongiorno Amaranta,
    post bellissimo, molto profondo, come penso che lo sia tu del resto...una persona molto profonda.
    Sono andato sempre più a ritroso nelle tue pubblicazioni saltando qua e la senza un ordine preciso e credo di essere entrato un pochino nella tua mentalità, anche se non è semplice (almeno per me).
    Ho notato diversi stati d'animo sia nei tuoi racconti che nel tuo diario (alcuni post non si sono aperti e mi avrebbe fatto piacere leggerli).
    Continuerò a seguirti ma non commenterò più le tue pubblicazioni, non trovo giusto che tu filtri i messaggi, la vedo come sorta di censura e penso sinceramente che di tutto abbiamo bisogno tranne che di quello anche perchè hai la possibilità come tutti noi di cancellare i commenti maleducati e sgradevoli. Una persona a me poco simpatica (parlando di televisione) più volte ha detto: "Il telecomando è stata l'invenzione più democratica degli ultimi tempi"

    Un buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Ciao drummer, mi spiace che alcuni post non si siano aperti. E' la prima volta che capita, o che almeno mi viene riferito.
    Probabilmente sono capricci del server.
    Il modera commenti non piace neppure a me, ma sono costretta ad usarlo.
    Ho motivi molto validi, credimi.
    Comunque non adotto nessun tipo di censura. Non pubblico solo commenti positivi ma, come vedi, anche i tuoi, di critica.
    Dò spazio alle critiche ma non agli insulti nè alle avances, che trovo comunque, in ogni caso, in questo contesto fuori luogo e gratuiti.
    Io, personalmente, leggo tantissimi altri blog, oltre a quelli elencati tra i miei preferiti.
    Difficilmente commento.
    Se un blog mi piace torno a leggerlo. Commento solo se ho qualcosa di concreto da dire.
    Di critica. O di elogio.
    E non mi pongo nemmeno il problema se c'è il filtro del modera commenti perchè, partendo dalla mia esperienza personale, penso che a monte possano esserci delle valide ragioni. O, più semplicemente, sia solo una rispettabilissima scelta.
    Mi spiace solo che l'uso del modera commenti possa indurre a pensare ad una selezione, da parte mia, di commenti solo positivi.
    Così non è.
    Comunque drummer grazie di nuovo per il tuo passaggio e per queste tue constatazioni.
    Buon week end anche a te
    Marilena
    P.S. - Saresti così gentile da dirmi quali post non si sono aperti? Così da poter effettuare un controllo.

    RispondiElimina
  3. Ciao achab, ho postato il tuo commento, che qui però non appare. E non so spiegarmi il perchè dal momento che l'ho correttamente pubblicato.
    Comunque grazie. Sei gentile come sempre.
    Buon fine settimana
    Marilena

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace che tu l'abbia presa come una critica, non voleva essere tale anche perchè mi sembra di non aver criticato negativamente ne il tuo post ne la tua persona. Era solo una mia constatazione ad un atteggiamento.
    Comunque i post che non si aprono sono veramente tanti, ti elenco i primi in ordine cronologico
    - Senza titolo
    - RITRATTI: Turchese
    - DIARIO: La rabbia di una schiava
    - GEOGRAFIA METAFISICA: Frontiere
    - GEOGRAFIA METAFISICA: In viaggio verso Blogosphere
    - THE CAMBERRIES: Zombie
    - Black Rebel Motorcycle Club - Red Eyes And Tears

    Poi non sono andato più giù

    RispondiElimina
  5. Ciao drummer, non ho inteso come critica negativa il tuo precedente commento, nè al mio post, nè alla mia persona. Ed anche se avessi postato critiche negative o a me sfavorevoli, avrei comunque pubblicato e risposto.
    Mi spiace solo che tu possa esserti fatto l'idea che chi ha il modera commenti lo usi solo per far selezione.
    Non piace neppure a me questo filtro, ma sono stata costretta a metterlo per invadenze eccessive e noiose. Non per le critiche.
    Riguardo ai post che non si sono aperti
    Senza titolo
    - RITRATTI: Turchese
    - DIARIO: La rabbia di una schiava
    e ai video
    - THE CAMBERRIES: Zombie
    - Black Rebel Motorcycle Club - Red Eyes And Tears
    è perchè li ho cancellati e probabilmente le tracce continuano a rimanere in memoria.
    Per quel che riguarda
    GEOGRAFIA METAFISICA: FrontiereGEOGRAFIA METAFISICA: In viaggio verso Blogosphere
    è perchè ho cambiato l'etichetta che è diventata IN VIAGGIO VERSO BLOGOSPHERE. Se clicchi sull'etichetta dell'ultimo post IN VIAGGIO VERSO BLOGOSPHERE - LA NOTTE DEI TAMBURI appaiono anche gli altri due racconti.
    Oppure sul lato destro del blog c'è l'elenco delle etichette dei post pubblicati.
    Ma questo solo nel caso tu voglia farti del male!!!!!!!!!!
    Ciao
    A presto
    Marilena
    PS - Janis Joplin......travolgente

    RispondiElimina